Impianti elettrici di ultima generazione, cosa prevede la normativa CEI 64-8

Impianti Elettrici Ultima Generazione

La norma di riferimento per la realizzazione di impianti elettrici è la CEI 64-8: cosa prevede e quali sono i fattori da considerare.

Scopri tutte le novità sugli impianti elettrici di ultima generazione che ti garantiranno sempre la qualità che cercavi in tempi rapidissimi, rispettando sempre le tue esigenze.

La Norma CEI 64-8 per impianti elettrici

La Norma CEI 64-8 per impianti elettrici precisa tutte le regole che devono essere seguite per la progettazione e realizzazione di un impianto elettrico e costituisce il riferimento normativo per eseguire impianti elettrici a regola d’arte.

Questa riguarda gli impianti elettrici con tensione nominale non superiore a 1.000 V in corrente alternata e 1.500 V in corrente continua, per cui riguarda sostanzialmente tutta l’impiantistica in bassa tensione delle abitazioni e delle industrie.

Gli impianti elettrici possono essere classificati in 3 diverse tipologia a seconda del tipo di finalità e di prestazione richiesta:

  • Livello 1 – BASE: vengono stabiliti gli standard qualitativi e quantitativi minimi
  • Livello 2 – STANDARD: è un impianto più versatile che permette un sistema di controllo tale da scollegare solo alcune zone senza dover staccare l’intero impianto
  • Livello 3 – DOMOTICA: riguarda tutti quei sistemi avanzati dal punto di vista tecnologico che permettono il controllo remoto dei dispositivi utilizzatori

Rispettare sempre le condizioni di sicurezza

Per realizzare impianti di ultima generazione, la normativa di riferimento prevede controlli e verifiche in grado di garantire il massimo della sicurezza. L’obiettivo principale è quello di ridurre il rischio di imprevisti in caso di guasto e facilitare tutte le operazioni di manutenzione, considerando le complicazioni che possono essere causate dall’ambiente esterno.

Considerare il dimensionamento

L’impianto elettrico deve essere dimensionato per sostenere una potenza minima di almeno 3 kW. Le abitazioni superiori a 75 mq devono invece essere progettate con un impianto elettrico con potenza minima di almeno 6 kW. Così nel caso in cui si dovessero manifestare richieste energetiche d’emergenza, non ci sarà bisogno di intervenire sull’impianto esistente, ma si avrà la situazione già predisposta.

Dispositivi di protezione

 La normativa sugli impianti prevede inoltre la presenza di almeno 2 interruttori differenziali così da dividere l’abitazione in almeno due circuiti differenti. Così è possibile evitare il black out completo dell’abitazione.

Caliaro Impianti ti assicura solo il meglio degli impianti elettrici di ultima generazione, che verranno installati tenendo sempre conto delle disposizioni della normativa vigente. Per saperne di più, consulta il nostro sito!

Rifacimento impianto elettrico, tutto ciò che devi sapere

Rifacimento Impianto Elettrico

Quando e come procedere con il rifacimento dell’impianto elettrico: cosa dice la normativa. Tutto quello che devi sapere.

A seguito delle innovazioni tecnologiche nel settore e dell’introduzione di nuove normativa per la regolamentazione, molti degli impianti elettrici installati prima degli anni ’90 risultano obsoleti e necessitano di essere rinnovati.

Il rifacimento dell’impianto è un’operazione necessaria, per quanto onerosa, sia per garantire efficienza e funzionamento dell’impianto che per ragioni di sicurezza. La procedura deve essere affidata a dei professionisti iscritti all’albo, come lo staff tecnico di Caliaro Impianti, in grado di fornire la giusta assistenza anche per gli interventi murari richiesti dalle operazioni. Di seguito approfondiamo in breve come è cambiata la normativa di riferimento negli ultimi anni e di cosa si compone un impianto elettrico a norma.

La normativa di riferimento

Per la messa in sicurezza e il rifacimento degli impianti elettrici ci si attiene a quanto contenuto nella legge 46/90, che sancisce le regole da seguire per la corretta installazione di qualsiasi tipo di impianto, industriale e non. Tra le altre cose, la legge ha introdotto anche l’obbligo di farsi rilasciare un documento di certificazione per la messa in sicurezza, chiamato dichiarazione di conformità, di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo.

Il Comitato Elettrotecnico Italiano ha inoltre emanato una norma a cui bisogna fare riferimento per l’installazione e il rifacimento di impianti elettrici civili. La norma CEI 64-8 impone l’obbligo di dotare l’impianto della messa a terra e di rispettare le prestazioni minime obbligatorie per il risparmio energetico. Perdipiù un impianto conforme alle normative deve possedere certo numero di componenti e requisiti specifici di cui parliamo qui sotto.

Componenti e struttura dell’impianto

Un impianto elettrico ha delle componenti e una struttura molto precise. Si differenzia per la distribuzione dei cavi, per la potenza massima raggiungibile nel circuito e per la disposizione dei punti luce. La componente centrale di un impianto è il contatore: un dispositivo che permette di distribuire energia elettrica e al contempo contabilizzare i consumi.  Da esso si diramano i cavi che distribuiscono l’energia all’interno dell’edifico o dell’abitazione.

I cavi conduttori che alimentano i punti luce e le prese sono distinguibili in tre tipi: un tipo viene utilizzato per la fase di corrente e ha una colorazione variabile, un altro – blu – viene utilizzato per il neutro mentre quello giallo-verde viene usato per la messa a terra. Infine, anche per i punti luce esiste una precisa regolamentazione che definisce l’utilizzo di prese specifiche per ogni utilizzo: elettrodomestici, TV, prese per la cucina, e così via.

Scegli di affidarti ad uno staff tecnico competente ed efficiente per il rifacimento del tuo vecchio impianto elettrico! Contatta Caliaro Impianti per richiedere un preventivo.

Impianti elettrici speciali, cosa sono e perché utilizzarli

Impianti Elettrici Speciali

Cosa sono gli impianti elettrici speciali, come funzionano e quali sono quelli più diffusi. Una pratica guida per tutti.

Per impianto elettrico speciale si intende l’insieme di tecnologie e sistemi che, all’interno di un’abitazione, svolgono precise funzioni di sicurezza, comunicazione, supervisione e controllo. A prescindere dallo specifico ambito, il compito di questi impianti è quello di rilevare quando si presenta una qualsiasi anomalia come un’intrusione, un incendio, una fuga di gas o un allagamento. L’obiettivo di tali impianti è riuscire a notificare tempestivamente il proprietario riguardo a condizioni di pericolo per intervenire e contrastarle nel momento in cui si presentano. Nell’articolo di oggi parliamo delle principali tipologie di impianti elettrici speciali e della loro utilità in casa.

Impianti antintrusione e di videosorveglianza

Tra gli impianti di sicurezza, i più diffusi e conosciuti sono gli impianti antintrusione e di videosorveglianza. Svolgono funzioni molto simili, essendo in grado di monitorare ingressi e spazi per prevenire o contrastare intrusioni e furti, sebbene si basino su funzionamenti diversi.

Gli impianti antintrusione si basano su degli allarmi cablati o via radio che permettono di sapere sempre quando viene violato lo spazio che si vuole proteggere. Gli allarmi possono avere protezioni volumetriche interne o perimetrali esterne e possono inoltre essere controllati da remoto per evitare falsi allarmi.

Gli impianti di videosorveglianza, invece, permettono di visionare in tempo reale gli esterni o qualsiasi locale di casa. Sono in grado di registrare ciò che riprendono, rilevare movimenti insoliti nelle inquadrature e possono anch’essi essere dotati di tecnologie per i controlli da remoto.

Altre tipologie di impianti speciali

Esistono molte tipologie di impianti speciali, oltre a quelli di antintrusione e videosorveglianza. In particolare, parliamo di impianti di controllo degli accessi, di rilevamento incendi e antiallagamento.

Gli impianti di controllo degli accessi sono più utilizzati per edifici industriali o in generale per qualsiasi attività che necessiti di controllare e regolare gli ingressi e le uscite di una determinata area. Permettono di registrare l’identità di chi accede e le fasce di orario in cui entra ed esce tramite la semplice lettura di un badge o di un tag, o attraverso l’uso di un terminale biometrico o un’installazione di lettura targhe.

Gli impianti di rilevazione incendi e gli impianti antiallagamento fanno esattamente ciò che suggeriscono. I primi sono in grado di rilevare e segnalare la presenza di un principio di incendio, basandosi sulla presenza di particelle di fumo nell’aria; i secondi sono invece dotati di sensori in grado di rilevare le perdite di acqua.

Installare degli impianti elettrici speciali garantisce una maggior sicurezza e preparazione in caso di anomalie o incidenti domestici. Contatta subito Caliaro Impianti per la progettazione dei tuoi impianti di sicurezza.